INFORMAZIONI GENERALI
QUESTO E’ IL BLOG DI TELEFONO VIOLA, ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SENZA FINE DI LUCRO. IL SUO OPERATO SI BASA SULLE IDEE E SULLE PRATICHE DI GIORGIO ANTONUCCI E DI THOMAS SZASZ. NASCE A ROMA IL 22 OTTOBRE DEL 1991, FONDATA DA ALESSIO COPPOLA, ALLORA PRESIDENTE DEL CEU, CENTRO DI ECOLOGIA UMANA. SI DICHIARA PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE E CONTRO GLI ABUSI, LE COERCIZIONI E LE VIOLENZE DELLA PSICHIATRIA COMUNQUE E DOVUNQUE SI MANIFESTINO. LA SUA SEDE LEGALE E’ PRESSO IL CESV, IN VIA LIBERIANA 17 - 00185 ROMA. LA SUA SEDE OPERATIVA (PER INCONTRI E COLLOQUI CONCORDATI) E' IN VIALE MANZONI 55 (METRO MANZONI) PER GENTILE OSPITALITA DELLA FEDERAZIONE COBAS. CHI VUOLE CONSIGLI PER DIFENDERSI O DENUNCIARE ABUSI PSICHIATRICI PUÒ ANCHE TELEFONARE DAL LUNEDI’ AL VENERDI’ AL NUMERO 06. 59 60 66 30 (SEGRETERIA IN RIPRISTINO A PARTIRE DAL GIORNO 22 OTTOBRE ‘12, GIORNO DEL NOSTRO VENTUNESIMO ANNIVERSARIO). SI PUÒ AFFIDARE UN APPUNTO ALLA SEGRETERIA CON I PROPRI DATI, PER ESSERE RICHIAMATI APPENA POSSIBILE. COSA PUO’ FARE IL TELEFONO VIOLA? ATTUALMENTE POSSIAMO OFFRIRE UN ORIENTAMENTO SULLA QUESTIONE PSICHIATRICA, CHE CI DERIVA DALL’ESPERIENZA DEI NOSTRI CONSULENTI E COLLABORATORI, E CHE SERVE SOPRATTUTTO A PREVENIRE E CONTRASTARE IL PIU’ POSSIBILE I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI (TSO). INFATTI, IL TSO E LE SUE FORME INDIRETTE SONO LE PRATICHE PSICHIATRICHE VINCOLANTI DOVE PIU' SI VERIFICANO GLI ABUSI DELLA PSICHIATRIA. GLI ASCOLTI TELEFONICI, I COLLOQUI E I CONSIGLI OFFERTI DALL’ASSOCIAZIONE SONO GRATUITI. (LA DIFESA LEGALE DA NOI EVENTUALMENTE CONSIGLIATA E’ A SPESE DELL’UTENTE). DOPO VENT’ANNI RESTIAMO UN’ ORGANIZZAZIONE CHE SI BASA SUL LAVORO VOLONTARIO E GRATUITO DI POCHI SOCI. PER ESSERE PIU' EFFICIENTI ABBIAMO BISOGNO DI AIUTO DAI NOSTRI UTENTI E SIMPATIZZANTI. PER SOTTOSCRIZIONI E DONAZIONI (UNICA FONTE DI SOSTEGNO) USARE IL CONTO CORRENTE POSTALE N° 6087021 INTESTATO A TELEFONO VIOLA. PER BONIFICI BANCARI USARE IL CODICE IBAN IT04 W076 0103 2000 0000 6087 021 (CIN W; ABI 07601; CAB 03200; N. CONTO 000006087021). SI POSSONO VERSARE SUL CONTO CORRENTE ANCHE PICCOLE SOMME DI /5/10 EURO, PER COPRIRE LE SPESE DI SEGRETERIA TELEFONICA (IN MEDIA LA SPESA PER NOI E’ DI 2 EURO PER OGNI CHIAMANTE CHE CHIEDE UN CONTATTO). IN CASO DI CRISI DI SOSTEGNO NON POSSIAMO GARANTIRE LE TELEFONATE SUI CELLULARI. IL BILANCIO DELL’ASSOCIAZIONE E’ PUBBLICATO SUL BLOG E SUL SITO. NOTA. INVITIAMO TUTTI GLI INTERESSATI A INTERLOQUIRE CON QUESTO BLOG E CON LA PAGINA FACEBOOK (TELEFONO VIOLA) CON SPIRITO SOLIDALE E COSTRUTTIVO. SI AVVISA CHE PER EVITARE PERICOLOSE CONFUSIONI, IL TELEFONO VIOLA NON RICONOSCE E DIFFIDA ALTRI ORGANISMI CHE USINO IL SUO NOME SENZA ADESIONE AL SUO STATUTO E FUORI DA ACCORDI E DELEGHE SPECIFICI. (Testo aggiornato al 25 novembre 2012)

sabato 1 maggio 2010

RESOCONTO QUARTA CONFERENZA


29 Aprile 2010 QUARTA CONFERENZA SOCIALE
(RESOCONTO PER IL BLOG)

Sono stati denunciati al Telefono Viola casi frequenti di Elettroshock presso la clinica privata Santa Rosa di Viterbo. A volte viene somministrato con la scusa che i pazienti hanno una sindrome di Cotard e impauriti da questo "morbo di Cotard" si fanno fare e fanno fare ai loro parenti l'elettroshock. Alcuni dopo l'elettroshock dicono a loro amici che tutto sommato si sentono più tranquilli e non sanno più perché sono stati portati alla clinica psichiatrica... Sono anche girati dei moduli per il cosiddetto consenso informato, ma loro firmano perché hanno fiducia negli psichiatri e sono terrorizzarti da questo morbo di Cotard. Abbiamo quindi deciso di porre in più attenta sorveglianza questa clinica di Viterbo che spaccia elettroshock come cura della depressione, nel caso che gli psicofarmaci si rivelano non più efficaci. Il Presidente Alessio Coppola ha ricordato il caso raccontato nel libro "Il Telefono Viola contro i metodi della psichiatria" (inserito sul nostro blog), scritto insieme con Antonucci, in cui si descrive il percorso psichiatrico che da psicofarmaci a elettroshock (grappoli di elettroshock) portò il giovane Carlo Rellini alla morte in una clinica romana. Ha consigliato di aggiornare la ricerca sull'argomento collegandosi con gli studi di Peter Breggin, lo studioso più preparato sulla materia.
Quanto alla depressione, c'è da segnalare il caso recente riportato dallo scrittore e e psicoterapeuta del Connecticut Gary Greenberg, che si riteneva depresso perché non felice "abbastanza". Accettò di fare da cavia nella sperimentazione di un nuovo farmaco contro la depressione. Gli psichiatri gli dicevano che stava migliorando. Prima che finisse il protocollo però Greeberg fece analizzare le nuove pillole e scoprì che erano un placebo!("Manufacturing depression" edito da Bloomsbury).
L'avvocato Di Palma ha chiarito che la firma sui moduli per il consenso informato non è mai ritenuta valida dai giudici, in quanto sanno che il paziente è in uno stato di soggezione e di dipendenza dall'ambiente familiare e dall'ambiente psichiatrico. Alessio ha fatto anche rilevare che l'elettroshock conviene anche economicamente più della somministrazione dei farmaci in quanto è considerato intervento chirurgico e la clinica ci ricava di più. Comunque vanno fatte più attente verifiche. Va anche ristampato un opuscolo contro l'elettroshock del primo Telefono Viola.

Presenti anche altri giovani che hanno riportato problematiche di difficile rapporto con familiari molto oppressivi. Si è stabilito un buon clima nella riunione in modo da permettere l'ascolto e anche il ridimensionamento di certe accuse in una logica di aiuto reciproco e di protezione della libertà personale ma anche di vincoli familiari importanti.

Si è parlato anche di una ricaduta in TSO per un ragazzo che ha partecipato alle precedenti conferenze sociali, che stava bene e senza farmaci da parecchi mesi. L'avvocato ed Alessio si attiveranno per capire bene le dinamiche che hanno portato a questo nuovo TSO e ai percorsi legali e consulenziali che potranno essere attivati nei prossimi giorni.

Intanto è stata liberata una ragazza S. da un TSO al S. Giovanni di Roma. L'avvocato che ha fatto un'ottima mediazione legale con la struttura, ha poi seguito la vicenda, anche se da molti giorni la ragazza non ha dato più tracce.

La conferenza sociale è quindi passata alla forma del piccolo gruppo per approfondire la conoscenza delle situazioni rappresentate nella prima parte.
Alessio ha concluso con una informazione sul metodo alla salute di Mariano Loiacono di Foggia, che sarà invitato al convegno del 27 maggio. Il metodo di Loiacono è molto compatibile con l'approccio non psichiatrico e dell'ecologia umana seguito dal Telefono Viola.
Conclusione felice, con altre quattro iscrizioni!

LA SEGRETERIA DEL TELEFONO VIOLA

1 commento:

  1. Su Peter Breggin:

    http://www.nopazzia.it/Breggin/braindisabling_it.htm

    http://www.nopazzia.it/Breggin/b-c_dismissioni.html

    RispondiElimina